Laboratorio della citta’ futura: la sintesi dell’incontro

di WebMaster

L’incontro ha visto la partecipazione di circa 50 persone tra associazioni, imprenditori, cittadini e curiosi. Sono stati condotti due workshop che hanno prodotto le relazioni che potete leggere sotto.

Gruppo di lavoro Tessile ecologico e moneta locale

Cardato rigenerato CO2 neutral: e’ un progetto del CNA per valorizzare il vecchio cardato pratese che ha sempre fatto della cultura del riciclaggio la sua forza. il 70% materie prime riciclate, il marchio certifica tutte le fasi produttive e con il meccanismo dei certificati verdi cerca di compensare le emissioni di CO2 emessa dal processo aziendale. Il marchio coinvolge diverse aziende che producono il cardato dalla lana rigenerata, l’obiettivo e’ di coinvolgere anche le filature e le tessiture fino ai maglifici e alle confezioni così da vere un prodotto completamente certificato e prodotto in Prato. Info su http://www.cardato.it/media/press/notizienostre.pdf

Wip esperimento di creare un’economia che si autosostiene con logica di sostenibili a 360. Dalla scelta delle materie prime (cotone bio, PLA), alle fasi di lavorazione pulite fino al prodotto anallergico. I dipendenti sono coinvolti nel processo dell’azienda. La produzione e’ nel casentino, i prodotti spaziano dai prodotti per l’igiene ai pannolini compostabili al 100%.

Cosa vi aspettate dalle istituzioni? Non si può lavorare solo sulla cassa integrazione che porta voti ma non crea futuro, non si ha il coraggio di investire sulle aziende che fanno innovazione. 

Banca del tempo: nata dal progetto Equal2 del Comune di Prato, scambio di favori come facevano i buoni vicini di casa. Quando una persona aderisce riceve un libretto di assegni di 10 or che utilizza per “pagare” le prestazioni di cui usufruisce. Tutti quelli che si iscrivono segnalano le attività che sono disposti a fare e questo arricchisce la lista delle offerte della banca del tempo. Il progetto ha avuto alti e bassi e abbiamo notato che se le persone non si conoscono non scambiano. L’associazione paga 250 ore al comune per l’uso del laboratorio del tempo sotto forma di attività organizzate nello spazio del Laboratorio del Tempo. 

Scec: la sostenibilita’ a livello economica del sistema denaro non c’e più. Il debito va sempre ad aumentare a causa del signoraggio. La moneta si stampa in cambio di debiti che lo stato fa in cambio di un interesse che non potrà mai tornare perché non c’è. La moneta e’ un mezzo di scambio e lo Scec vuole ridargli questo ruolo. Lo Scec non e’ moneta complementare perché non e’ convertibile. E’uno scambio di sconto. Non e’ un buono sconto che si perde ma può essere rimesso in circolo. Sono stampati dall’associazione Arcipelago Scec. Praticamente chi si iscrive gratuitamente riceve 100 Scec equivalenti a 100€ di sconto che gli iscritti si impegnano ad accettare. I fornitori di servizi e prestazioni al momento dell’iscrizione indicano quanta percentuale di Scec sono disposti a ricevere. Di fatto si incentiva l’economia locale e si aumenta il potere di acquisto delle famiglie. L’agenzia delle entrate ha dato il benestare se gira accanto all’euro. 

Domanda: quali sono gli obiettivi che potrebbero essere ripresi per rilanciare i progetti in discussione a Prato? 
– Convertire la cassa integrazione in debiti banca del tempo
– Opere pubbliche locali dove coinvolgere i cassa integrati
– albergo economico creato in collaborazione con Comunita straniere 
– mercato locale alimentare esteso ai prodotti dell’industria locale e artigianato locale in zona centrale
– ricercare le realtà economiche che ci sono sul territorio per metterle in rete 
– coordinamento locale delle buone pratiche e buone intenzioni con incontri periodici con scambi di informazione e progettazione condivisa
– il mondo della produzione si ricolleghi al mondo dell’arte, la forza culturale traina da sempre il mercato, fabbriche aperte alla cultura e alla didattica
– servizi del comune gestito tramite la banca del tempo in cambio di uno spazio aperto e gestito dalla banca stessa in maniera autonoma
– Imprese sociali che lavorino cercando di sviluppare progetti di sviluppo locale

Agricoltura locale, energie rinnovabili e mobilità sostenibile

L’agricoltura dal punto di vista energetico e’ l’unica attività produttiva (roegen). Rilanciare l’agricoltura locale e’ la chiave per molti altri settori.
Fare rete tra produttori e consumatori, chiedere alle istituzioni il ruolo di promozione delle aziende agricole locali.
Parco agricolo della piana ha l’obiettivo di utilizzar l’agricoltura prossimale per difendere il territorio attorno e dentro la città.
Rinnovabili: costano meno del passato ma dobbiamo svilupparle in armonia con l’ambiente, che non porti ad ulteriore consumo di territorio.
Mobilita: rilanciare il CAR sharing ma insieme al rilancio della mobilita pubblica e disincentivo del mezzo privato. 
Approccio integrato
Costruiamo veramente un laboratorio permanente orientato alla bioeconomia.
Naturaltex     

Relazione

 
Gruppo di Lavoro: Energie Rinnovabili, Agricoltura Locale, Mobilità Sostenibile

 
Gruppo composto da 17 persone
Facilitatici: Enrichetta e Daniela
 
Interventi
 
·      Martinelli (Produttore Locale)

·      Betti (Apicoltura , ortaggi e legname)

·      Colzi (Agricoltore: cereali e ortaggi)

·      Bigagli Lorenzo (Mobilità Sostenibile – Car Sharing)

·      Fanfani David (Parco Agricolo)

·      Pennazzi Silvia (Energia Rinnovabile – fotovoltaico)

 
 
Proposte
 
Agricoltura:
 
Incentivare l’incontro tra domanda e offerta, per creare rete di conoscenza tra produttori e consumatori sostenendo lo sviluppo delle imprese locali e la filiera corta.
 
esempi concreti – mercati, spazi o spacci per la vendita diretta dei prodotti di filiera corta (proposta di uno Spazio che Lorenzo di Maliseti può mettere a disposizione)
 
maggiore informazione per il consumatore sulle tecniche e i costi di produzione per un prezzo giusto ed equo!
 
tutela e conoscenza del prodotto con marchi di certificazione locale indicazione provenienza)  come strumento di maggiore visibilità e riconoscibilità .
 
necessità di creare rete tra i Produttori Locali per ottimizzare  le risorse (es.recupero e varietà di prodotti, scambio di informazioni e competenze)) e sostenere la filiera corta e tra Produttori, Enti e Associazioni del territorio.
 
proposta ed esperienza del Parco Agricolo ( recupero della relazione tra città e il suo contesto agricolo, attraverso una pianificazione integrata)
 
 
Energie Rinnovabili:
 
siti da rivalutare e maggiori per le fonti rinnovabili
 
piccole produzioni di energia locale
 
+  incentivi e maggiore informazione
 
 
Mobilità Sostenibile:
 
incentivare il trasporto pubblico con l’educazione al Car Sharing (ha più un impatto sociologico che ecologico!)
 
progetti da portare avanti collaborando con le istituzioni.
 
Progetto Car pooling
 
 
 
Esigenza ed interesse a portare avanti in maniera sistematica il LABORATORIO!!!!!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: